Giana è un libro fotografico che racconta la storia di una strega malvagia, la Giana, che abitava nei boschi tra Pranzo e Campi, in Trentino. Questa strega custodiva la “Fratta del Tesoro”, un luogo mistico e antico dove si narrava fosse nascosto un capretto d’oro.
Questa leggenda aveva portato 1969, alla scoperta dell’importante sito archeologico di San Martino.
Qui sorgeva anticamente un luogo di culto dove si adoravano, soprattutto, divinità femminili connesse alla natura, al mondo agreste, alla fecondità, e si praticavano dei rituali, come roghi votivi e cerimonie di passaggio, di nascita, vita e morte.
Col tempo la zona fu abbandonata, ma le divinità pagane, anche dopo l’avvento del cristianesimo, resistettero senza scomparire mai del tutto, trasformandosi e assumendo, nel folclore popolare nuovi significati.
La Giana, infatti, in origine è Iside, è Venere, è Diana, è la Grande Madre, è reminiscenza degli antichi culti, specchio della storia del territorio e della sua gente legata al mondo rurale.

*


Giana is a photo book about an evil witch, Giana, who inhabited the woods between Pranzo and Campi, in Trentino, North Italy. This witch guarded the “Fratta del Tesoro”, a mystical and ancient place, where it was said a golden kidskin was hidden. This legend had led, in 1969, to the discovery of the important archaeological site of San Martino.
In ancient times, this was a place for worshiping, above all, female deity connected to nature, fertility and the rural world.
There were also practiced rituals, such as votive bonfires and ceremonies of passage, birth, life and death.
Over time the area was abandoned, but pagan deities resisted, even after the advent of Christianity, without disappearing completely, transforming and taking on new meanings in popular folklore.
Giana, probably originated from the (Egyptian) deity Isis, Venus from Ancient Greece and Diana from Ancient Rome.
She is the Great Mother, she is the reminiscence of the ancient cults, echo of the history of this area and its people linked to the rural world.